Trends

02 Mar 2022

La mimosa: perché si regala l’8 marzo

Famosa per la grande quantità di fiorellini gialli e morbidi che popolano i suoi rami, la mimosa ha un fascino tutto particolare.

Originaria del continente australiano, la mimosa è arrivata in Europa verso la metà del 1800, nella stessa epoca dell’Eucalyptus. In Italia, questa pianta si è adattata benissimo al clima mite della Riviera Ligure, a quello delle regioni meridionali e dei grandi laghi del nord. Il suo periodo di fioritura è l’inizio di marzo e la nascita dei suoi fiori indica così l’avvicinarsi della primavera, riempiendo l’aria dei primi profumi della stagione.

Le specie più conosciute sono la Acacia Dealbata, non bianca quindi ma gialla, e la mimosa delle quattro stagioni, la Mimosa Retinoides. La pianta di questo fiore può raggiungere grandezze considerevoli, fino ai 20 metri. Nelle aree dal clima più freddo, può anche essere coltivata in vaso.

Consigli di messa a dimora, potatura e mantenimento:

https://www.rosai-e-piante-meilland.it/mimosa-consigli-messa-a-dimora-potatura-e-manutenzione/

Simbolo della Festa della Donna: la storia

La mimosa, questa pianta dall’acceso colore giallo e dall’inconfondibile profumo, è il simbolo della Giornata internazionale della donna e, nel linguaggio dei fiori, indica forza e femminilità.

Risale al 1946 il preciso momento storico in cui diventò il simbolo della Festa della Donna. All’epoca le donne dell’Unione Donne Italiane (UDI), femministe appartenenti al Partito Comunista Italiano, cercavano un fiore per celebrare la prima Festa della Donna del dopoguerra. Fu scelta la mimosa perché era uno dei primi fiori a sbocciare a inizio marzo e aveva il vantaggio di essere poco costosa. Come disse Teresa Mattei, dirigente nazionale dell’UDI, la quale insieme a Teresa Noce e a Rita Montagnana fu l’inventrice dell’uso della mimosa: “scegliamo un fiore povero, facile da trovare nelle campagne”. Un fiore che cresceva, ieri come oggi, spontaneamente in molte parti d’Italia, economico e facile da appuntare alla camicetta o alla giacca di ogni donna.

mimosa

Un dono semplice ma importantissimo

Regalare un bouquet di mimosa per la Festa della Donna è il più classico dei pensieri: non solo, infatti, fiorisce proprio in concomitanza dell’8 marzo, ma ha un significato perfettamente in linea con la ricorrenza.

Bellissima in un mazzo di sola mimosa, per un look più naturale e monocolore, ma anche accostata ad altri fiori per un effetto più colorblock. Scegliete qualche rosa rossa per aggiungere una nota romantica al vostro bouquet.

___

A cura di Michela Peletti

michelapeletti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da therealwedding.it maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi